lunedì, Febbraio 26, 2024
More

    Club Dogo hanno pubblicato l’omonimo album

    Comunicato stampa

    È finalmente uscito l’attesissimo album della reunion, intitolato semplicemente Club Dogo include undici tracce in puro stile Dogo, con un occhio al passato e uno al futuro, concepite senza farsi condizionare da mode e trend, ma soltanto dalla voglia di essere ancora una volta all’avanguardia. “Qui per fare la storia / non per fare le storie” ribadisce Jake in C’era una volta in Italia.

    Ogni barra è densa di citazioni letterarie, cinematografiche, artistiche e musicali, e anche le più crude e controverse svelano in sé una metafora ben più significativa. Brani di pura autocelebrazione (come Mafia del boom bap, un tributo al sound dell’hip hop classico: “rimo fin da quando i rapper vestivano da rapper”, dice ironicamente Gué) si alternano a pezzi altamente introspettivi (come Malafede, che si apre con uno struggente sample di Sei mio di Nada e riflette su tutta l’oscurità che si può nascondere dietro una facciata scintillante. “Che la terra mi sia lieve / un po’ più dell’asfalto di questa città” si augura Gué; “A Milano è sempre inverno / perché ce l’abbiamo qui dentro allo sterno” riflette Jake).

    Il disco è in costante equilibrio lirico tra esercizi di stile e tematiche più serie. Frate è un tripudio di punchline che giocano sul termine slang del titolo. Indelebili, invece, è una sorta di testamento spirituale del gruppo. “Giovani nati morti si fanno i selfie con l’Hennessy / perché non conta più essere, conta esserci” scandisce Jake; “Questa musica non parla di niente senza conflitto”, ribadisce; “Artisti senza talento, ricchi senza sbattimento / queste sono le bugie che ti vendono”, rincara la dose. “Qua cancellano persone e poi cambiano libri e film / più che l’intelligenza artificiale / mi fa paura la tua stupidità che è naturale” constata amaramente Gué.

    La cura del sound, curata da un produttore dalla cultura musicale onnivora e dall’insaziabile curiosità come Don Joe, è una certezza in tutto l’album: i beat sembrano tratti da classici ma con una dose di contemporaneità e freschezza che fa tutta la differenza del mondo. Molti brani, infatti, ruotano interamente attorno alle sonorità prescelte. Nato per questo, con il featuring di Marracash, suggella il legame inscindibile con la cultura hip hop e i suoi giganti (“Farò piangere questa canzone”, dice Gué in apertura omaggiando Jay-Z e la sua Song Cry, prima di rendere un tributo a Nas, citando le storiche One Love e One Mic). King of the Jungle è una dichiarazione d’amore alla musica giamaicana e alle dancehall che frequentavano fin da ragazzini, nonché la ripresa di un loro brano storico, l’amatissimo Note killer (2003). In sbatti gioca su sonorità che ricordano le colonne sonore più cupe e apocalittiche degli anni ‘80, come quelle dei film di John Carpenter: una sorta di cortometraggio distopico.

    Il vero collante di tutto il progetto, il faro che crea luci e ombre nella poetica dei Club Dogo, resta però quello che li ha guidati per tutta la loro carriera: Milano. Una città di grandi possibilità e immense contraddizioni, nonché il luogo che chiamano casa, per cui nutrono sentimenti ambivalenti. “Milano, o mi perdoni o mi ammazzi: decidi” scandisce Jake in Soli a Milano (con il featuring di Elodie), una traccia che è una fedele descrizione del senso di onnipotenza e solitudine in quelle strade dove “è un fine pena mai”, come spiega bene Gué. Ma c’è anche spazio per la leggerezza, come in Milly (feat. Sfera Ebbasta), un brano giocato tutto sui diversi significati dell’omonimo termine in slang: i milioni di Lil Wayne, la città di Milano, la pornostar Milly D’Abbraccio e molti altri ancora. “A Milano City non ti sentono se strilli” afferma ironicamente Gué. L’alternanza di vari registri stilistici dei Dogo ha fatto scuola, definendo un immaginario a cui ancora oggi milioni di giovanissimi guardano e si ispirano. A giudicare dai risultati, è destinato a dettare il passo anche per il futuro, oltre ad aver scandito il passato e il presente del rap italiano.

    Club Dogo 2024

    Bio

    I Club Dogo, gruppo fondato dai rapper Gué e Jake La Furia e dal produttore Don Joe, sono un’istituzione dell’hip hop italiano: per primi hanno abbattuto il soffitto di cristallo che confinava il rap in un campionato a parte, e con la loro crew, la Dogo Gang, hanno contribuito a portare al successo molti artisti di culto. Nel 2003 pubblicano il loro primo album autoprodotto, Mi Fist, considerato una pietra miliare del genere; il disco passa di mano in mano tra gli appassionati, partendo da Milano fino a conquistare tutta Italia. I successivi lavori (Penna capitale del 2006 e Vile Denaro del 2007, il loro primo album con una major) li traghettano dall’underground alle classifiche e al successo di massa. Segue una impressionante serie di successi di pubblico e di critica: album come Dogocrazia (2009), Che bello essere noi (2010), Noi siamo il club (2012, che li sdoganerà anche a livello radiofonico grazie al singolo-tormentone P.E.S.) hanno fatto la storia del rap. Il loro settimo lavoro collettivo, Non siamo più quelli di Mi Fist (2014), chiude un ciclo, lasciando spazio alle loro carriere soliste. A dieci anni di distanza, e a grande richiesta dei fan che non li hanno mai dimenticati, tornano a fare musica insieme: le 10 date in programma tra marzo e aprile 2024 al Forum di Assago, annunciate mesi prima che ci fosse notizia di un loro nuovo album collettivo, sono andate tutte sold-out in poche ore.

    Leggi la nostra recensione al brano

    [anteprima_articolo]

    Ascoltalo ora

    Ascolta o acquista l'album direttamente sulle maggiori piattaforme digitali

    [pulsante_vai_allo_store]

    Dettagli Brano

    Artista

    Club Dogo

    Titolo del brano

    Club Dogo

    Label

    Universal Music Italy

    Data di rilascio

    12/01/2024

    Genere

    Tracklist

    1.C’ERA UNA VOLTA IN ITALIA
    2. MAFIA DEL BOOM BAP
    3. NATO PER QUESTO
    4. MALAFEDE
    5. KING OF THE JUNGLE
    6. MILLY
    7. IN SBATTI
    8. SOLI A MILANO
    9. TU NON SEI LEI
    10. FRATE
    11. INDELEBILI

    NUOVI ALBUM

    ALBUM

    Rak ha pubblicato il nuovo album "Payback"
    Rap Italiano
    Rak
    Payback
    23/02/2024

    ALBUM

    Rap Italiano
    Braff
    Opposti e Contrasti
    23/02/2024

    ALBUM

    Dargen D'Amico Ciao America
    Urban Italiano
    Dargen D'Amico
    Ciao America
    02/02/2024

    ALBUM

    Sandra Ru ha pubblicato l'ep Trasparente
    Pop Italiano
    Sandra Ru
    Trasparente
    02/02/2024

    ALBUM

    Kepa From BGNL 2 cover
    Rap Italiano
    Kepa
    From BGNL 2
    02/02/2024

    ALBUM

    Vaniss ultimo capitolo
    Urban Italiano
    Vaniss
    Ultimo Capitolo
    26/01/2024

    ALBUM

    Boro benedicion
    Urban Italiano
    Boro
    Bendicion
    19/01/2024

    ALBUM

    Inanna
    Urban Italiano
    Princess Nostalgia
    Inanna
    19/01/2024

    NUOVI SINGOLI

    Urban Italiano
    Mace, Salmo e Centomilacarie
    Non mi riconosco ≠
    23/02/2024
    Beba ha pubblicato il nuovo singolo "Dentro di me"
    Rap Italiano
    Beba
    Dentro di me
    23/02/2024
    Fabri Fibra ha pubblicato il singolo In Italia 2024 con Emma e Baby Gang
    Rap Italiano
    Fabri Fibra feat Emma e Baby Gang
    In Italia 2024
    23/02/2024
    Sofia P ha pubblicato il singolo Animalia con Grido
    Urban Italiano
    Sofia P feat Grido
    Animalia
    23/02/2024
    Sklero e Rico Mendossa hanno pubblicato il singolo No movie
    Rap Italiano
    Sklero feat. Rico Mendossa
    No movie
    23/02/2024
    Niky Savage e Simba La Rue hanno pubblicato il singolo Tekken
    Rap Italiano
    Niky Savage e Simba La Rue
    Tekken
    23/02/2024
    Cecchy ha pubblicato il singolo "Realness"
    Rap Italiano
    Cecchy
    Realness
    23/02/2024
    Rap Italiano
    Djomi
    4 Sberle
    23/02/2024