martedì, Luglio 16, 2024
More

    NÉZA: fuori ora “Offline”, l’album d’esordio con i feat di Neima Ezza, Nabi e TK

    Share

    Il giovane talento classe 2004, Néza, ha appena pubblicato il suo primo album intitolato “Offline.” Quest’atteso progetto fuori per Columbia Records/Sony Music Italy, è finalmente disponibile sulle maggiori piattaforme digitali a partire dal 25 ottobre.

    Negli ultimi due anni, Néza ha dimostrato di essere in grado di catturare l’attenzione della generazione Z con brani di grande potenziale. Ora, con “Offline,” è il momento della sua consacrazione. Questo album ci trasporta attraverso le strade di una realtà complessa, offrendo linee melodiche magnetiche e liriche introspettive con accenti di critica sociale.

    Néza è uno dei giovani talenti di seconda generazione che stanno emergendo nella scena musicale italiana, contribuendo a creare un vero e proprio movimento. La sua musica attinge ispirazione dall’hip-hop d’oltralpe, caratterizzato da una presenza costante di cassa e da flow melodici che catturano l’ascoltatore fin dal primo momento. Inoltre, le sue radici algerine si riflettono nei testi, con frequenti richiami a questa affascinante eredità culturale.

    “Offline” comprende nove tracce, ognuna con la propria unicità. Il disco si apre con “Gitano”, una traccia che presenta un’atmosfera hip-hop, testi consapevoli e una sottile critica sociale che pone l’attenzione su coloro che vivono ai margini della società. La titletrack “Offline” segue, con un ritmo incalzante e immagini vivide di una vita in strada.

    Nel brano “Non ti chiamerò”, Néza offre un’onesto sguardo sul suo passato complesso, con testi che riflettono la maturità acquisita attraverso le sue esperienze. “Calma” presenta una collaborazione con Neima Ezza e si distingue per le sonorità reggaeton. Subito dopo, “Focus” ci porta in un viaggio musicale con influenze marsigliesi e testi che parlano d’amore e rivalsa.

    “C’est Normal” offre una sorprendente collaborazione internazionale con il rapper francese TK, in un brano che si distingue per il suo ritmo incalzante. “Billets” ci riporta all’infanzia di Néza e mette in evidenza le disparità sociali tra lui e i suoi coetanei. “Passa il tempo”, una collaborazione con Nabi, è caratterizzata da un tocco di pianoforte e liriche personali che esplorano la caducità delle situazioni nel tempo, il tutto con un ritmo coinvolgente.

    Infine, l’album si chiude con “Dura”, una traccia dall’atmosfera claustrofobica, che mantiene viva la narrazione del suo passato complesso.

    Una raccolta di brani che esplorano la vita, le sfide e le aspirazioni di un giovane artista, “Offline” promette di essere un capitolo significativo nella carriera musicale di Néza. Non perdetelo.

    Forse ti può interessare...

    Qualche bel concerto...