lunedì, Maggio 16, 2022
More

    “La Quiete” prima della tempesta di Gemello

    SEGUICISocial

    5,105FansLike
    12,584FollowersFollow
    84SubscribersSubscribe

    A distanza di ben due anni dall’ultimo progetto, Gemello si ripresenta sulla  scena con “La Quiete”:  il nuovo album dell’artista romano , in uscita su tutte le piattaforme oggi  (21 gennaio) per Honiro.

    GEMELLO "La Quiete" cover

    Si tratta di un lavoro interessante, anticipato da un periodo di quiete e due singoli: “Flashback” e “Un pezzo di universo” (feat. Coez e Gemitaiz), rilasciati lo scorso 29 ottobre e 20 maggio 2021. 

    Derivato  dall’omonimo gruppo post-hardcore di Forlì, il titolo sta quasi ad indicare che il disco sia una sorta di esperimento: non mancano infatti le novità nei feat., come Ketama 126 (anche nelle vesti di produttore in “Giostra”) o nuove promettenti leve come Mostro e Victor Kwality ( in “Pipistrelli”). All’appello non mancano poi le influenze storiche dell’artista, palesate nella collaborazione  con Carl Brave (“Risalirai”) e con gli amici  Gemitaiz e Coez: da sempre un riferimento per la scena del rap-cantautorato romano. E mentre Gazzelle mette la firma sul ritornello di “Come se niente fosse”, i vari brani che compongono il disco sono prodotti principalmente da Sine, storica icona della Capitale, e Marta Venturini, che spesso ha collaborato con Calcutta e Paola Turci. “La Quiete” annovera però anche basi firmate da  talenti emergenti, ma già noti alla critica, quali Esseho (“Strawberry”), Holden (“Con te”), e Il Complemento Oggetto (“Rebecca è un fulmine” feat. Kinder Garden).

    In una scenario onnipresente della Città Eterna, nell’album si evocano  immagini cinematografiche ed  elementi ricorrenti dell’artista: il cielo di notte, la pioggia, le metafore sulle sfaccettature più profonde dei sentimenti . Non per niente, il disco è stato interamente registrato in una casa a picco sul mare al Circeo.

    «Ho deciso di sperimentare – dice l’artista – e di mettermi in gioco davvero per la prima volta con più ritornelli cantati, basi diverse e strofe meno serrate». 

    Un album quindi di un Gemello “diverso” da quello che abbiamo imparato a conoscere, nonostante si siano mantenute le linee guida dei suoi lavori passati più importanti. Un disco con cui  cogliere tutti gli espedienti creativi che Gemello padroneggia con facilità.

    Tiziano Cristoforoni
    Nato a Genova a fine degli anni ‘90. Studio scienze della comunicazione, sono cresciuto a pane e rap… e certe volte per stare a galla ancora bastano una voce, un piano e una chitarra.