martedì, Ottobre 26, 2021
More

    Fu Kyodo presenta “Hip-Hop Philosophy – Educare alla creatività con il rap”

    SEGUICISocial

    5,105FansLike
    14,277FollowersFollow
    84SubscribersSubscribe

    Fu Kyodo, al secolo Manuel Simoncini, è un rapper, un writer e un educatore che sta girando nel bolognese per presentare il suo libro “Hip-Hop Philosophy – Educare alla creatività con il rap” in cui racconta del MCing come disciplina educativa. Sabato 18 Settembre 2021, Souly G ha condotto la presentazione insieme all’autore presso il centro sociale Scipione dal Ferro di Bologna.

    Fu Kyodo
    Fu Kyodo, Ph by Giulia Gamberini

    Durante la presentazione Fu Kyodo racconta che l’espressione “hip-hop philosophy” nasce nel 2007 quando inizia il suo percorso come educatore. Manuel vuole mettere il rap sotto una nuova luce, forse riscattarlo un po’ da alcuni vecchi stereotipi. Da qui le fasi principali, quelle che strutturano i suoi laboratori e che riporta nel libro. Di queste, una fra tutte gli esce dalla bocca più volte durante la serata: l’osservazione. Parla infatti di osservazione di sé stessi – dentro e fuori -, interrogarsi, capirsi e – soprattutto – conoscersi.

    Manuel crede nell’importanza di essere in contatto con la propria interiorità, con i propri “simboli” – come ripete più volte – senza dover necessariamente cadere in un clichè. La chiama “autorealizzazione” intesa come «portare alla realtà la parte più profonda di te stesso», e dunque osservare anche questa!

    Fu Kyodo, Ph by Giulia Gamberini

    Così Souly G mette in tavola i tre pilastri dell’opera menzionati nel libro: “concetto”, “interpretazione”, “tecnica”. Il concetto è ciò che scriviamo per conoscerci, una scrittura infinita veicolata da interpretazione e tecnica. Fu Kyodo chiude solennemente così:

    «l’interpretazione è la tua anima, è qualcosa di più emotivo che di tecnico».

    E poi il silenzio. Parlare di silenzio con uno che mastica extrabeat come pochi altri fa sorridere, ma la sua riflessione è stata puntualissima. Il silenzio, definito come “culla della parola”, è quello spazio in cui viene dato il tempo, che si tratti anche solo di un attimo, di comprendere quanto detto. Il silenzio è anche un punto cardine nei suoi laboratori. Nel silenzio religioso che l’atto creativo vuole, chiede ai suoi ragazzi di ascoltare la base, chiudere gli occhi, trovare dei colori, delle immagini, entrare in contatto con i simboli che abitano dentro di loro e trovare la voce.

    Fu Kyodo, Ph by Giulia Gamberini

    La serata si è conclusa con la sfilata sul palco di quelle che potrebbero diventare le nuove leve del rap bolognese: Nick L.P., Dddealer, Giga, Chospy, King Mid, Nero Cromato, Smezzo, Dallas e Hagan. Anche Souly G ci fa sentire qualche suo pezzo. Fu Kyodo, accompagnato da Luster Crow che sembra leggergli nel pensiero, non delude e delizia il pubblico con il suo flow inconfondibile e mozzafiato (letteralmente). Chiude la serata invitando chi se la sentisse a sfidarlo ad una partita a scacchi.

    “Hip-Hop Philosophy – Educare alla creatività con il rap”

    Manuel “Fu Kyodo” Simoncini

    Edizioni La Carmelina – Prezzo: 12 €
    Acquistabile su:

    Prossime date:

    • 26/09/2021, Zola Predosa (BO), La Mandria, via Risorgimento 326
    • 30/09/2021, Bologna, Link in park, via Ludovico Berti 2/7 (+ live Brain FNO)
    Giuliahttp://www.hiphopstarztour.com
    Giulia, classe '93, quasi bolognese DOC perché la valle del Samoggia abita il mio cuore. Il viaggio, la lingua, la musica sono le basi, il resto è contorno. Il rap poi, quello mi sta sotto la pelle!