lunedì, Settembre 27, 2021
More

    Ascolta “Blu Celeste” il nuovo album di Blanco

    SEGUICISocial

    5,105FansLike
    14,277FollowersFollow
    84SubscribersSubscribe

    Esce oggi “BLU CELESTE”, il primo attesissimo album di BLANCO, che dopo il travolgente successo ottenuto è pronto a pubblicare il suo disco d’esordio.

    L’album, in uscita su etichetta Island Records, sarà disponibile su tutte le piattaforme digitali e in formato CD e Vinile. Accompagnano le dodici tracce del disco i video girati da Simone Peluso, uno per ciascun brano dell’album, che completano visivamente l’immaginario di BLU CELESTE.

    Nell’anno della sua consacrazione BLANCO è riuscito in pochissimo tempo a collezionare decine di milioni di stream dominando le classifiche per mesi con brani come LA CANZONE NOSTRA in collaborazione con MACE e Salmo, MI FAI IMPAZZIRE insieme a Sfera Ebbasta e il suo singolo NOTTI IN BIANCO e PARAOCCHI, ha totalizzato 11 dischi di platino e un disco d’oro e ricevuto attestati di stima da tutta la scena nazionale. BLANCO è inoltre il più giovane artista italiano ad essersi posizionato per 14 settimane al primo posto della classifica Fimi/GfK dei singoli più venduti.

    Un percorso straordinario per un artista che fin dai primi lavori si è distinto per la disinvoltura con cui si muove liberamente tra i generi, contaminando stili diversi senza preoccuparsi di etichette o limitarsi in sovrastrutture: l’attitudine esuberante e provocatoria di BLANCO si alterna a linee melodiche senza tempo, che attingono dalla grande tradizione della canzone italiana -artisti come Celentano, Modugno, Gino Paoli, Battiato sono stati i primi riferimenti artistici che hanno portato BLANCO a scrivere musica-. Un’inedita combinazione che ha impresso un marchio nella scena musicale contemporanea.

    Blanco, ph by Manuel Grazia

    È questo lo spirito innovativo su cui si fondano le 12 tracce di BLU CELESTE, un diario di cui la voce di BLANCO è l’unica narratrice. Nel suo primo disco ufficiale emergono tutte le sfaccettature della sua visione musicale e della sua persona, declinate negli opposti che hanno definito la sua cifra sin dagli esordi e che trovano ora un perfetto equilibrio: romantico e selvaggio, delicato e irruento, scuro e innocente, può urlare a pieni polmoni e sussurrare con un filo di voce. BLANCO riesce con naturalezza a plasmare ed esorcizzare l’urgenza delle proprie emozioni, positive e negative, attraverso la musica, uno spazio vitale in cui raccogliersi e sfogarsi, dove “stare a peso morto nel mare”, come canta nella traccia che apre il disco Mezz’ora di sole.

    A fare da fil rouge per la veste grafica ed estetica del disco è proprio il tema del mare, un luogo di pace e di sfogo in cui immergersi e restare a galla, sospesi al di sopra di tutto ciò che il fondale nasconde, gli stessi abissi emotivi che spesso affiorano nei brani di BLANCO ma che l’ascoltatore può leggere e fare propri a partire dalle esperienze personali di ciascuno.

    Fatta eccezione per la traccia Figli di Puttana co-prodotta insieme a Greg Willen, le produzioni sono curate dal fidato collaboratore MICHELANGELO, “un fratello per me, ha contribuito profondamente alla mia crescita musicale e personale, lo definisco il mio angelo custode”.
    Beat e strumentali esplorano molteplici universi sonori, dall’elettronica più scura al mondo del funk fino all’utilizzo di synth e sonorità che si rivolgono agli anni ’80, sottolineando la versatilità stilistica del cantautore, che unisce una forte propensione alle linee melodiche a un’attitudine che si avvicina al mondo del punk e dell’hip hop.