lunedì, Giugno 14, 2021
More

    Ascolta “Primate” il nuovo Ep di Sciabola

    SEGUICISocial

    5,105FansLike
    14,277FollowersFollow
    84SubscribersSubscribe

    È uscito “Primate” il primo Ep del rapper toscano Sciabola, disponibile da oggi, 21 Maggio 2021, su Spotify e le altre piattaforme digitali.

    Il suo ingresso nella scena italiana porta con sé un immaginario urban jungle dove rap e sonorità tribali trovano un connubio perfetto, proiettando l’ascoltatore nei suoi racconti.

    Il rapper toscano Sciabola classe ’98, al secolo Marco Oldani, decide in questo lavoro di ambientare i racconti in una giungla urbana, un immaginario fittizio dove poter descrivere il suo vissuto.

    Il nuovo progetto di Sciabola “Primate” è composto da 7 tracce, sei delle quali prodotte da Rambla e una da Said. “Intro” si presenta come la traccia che permette all’ascoltatore di immergersi in queste atmosfere: siamo circondati da ringhi di tigri eurla di tribù, mentre udiamo il fiatone di una corsa nella foresta. Il timore iniziale viene risolto da Sciabola, che in questo ambiente ha ritrovato tutto sé stesso. Il concetto del primate, infatti, vuole rimandare ad una ricerca delle radici dell’artista. Marco si è spogliato di tutto per trovare la sua vera identità.

    Per vivere in questo caos però bisogna essere capaci di affrontare le sue difficoltà e Sciabola lo fa pezzo dopo pezzo, sperimentando metriche e flow, sostenuto dalle produzioni poliedriche di Rambla. Il risultato è un disco rap che vuole distinguersi dai canoni odierni per rendersi riconoscibile.

    L’Ep si divide secondo due prospettive: nella prima il sound si rivolge molto di più al pubblico ed è chiara la volontà del rapper di imporre il suo stile. Brani come Jungle Club e Wakanda sono entrambi contraddistinti da ritornelli poderosi, supportati dalle produzioni nate dall’unione di elementi naturali e suoni elettronici. Masai, invece, è un grido di battaglia e vince con l’unione del giovane talento toscano Shen.

    L’altro lato del rapper è quello descritto in due brani che fin da subito risultano densi di significato: Primate da un lato e Rugiada dall’altro mostrano il volto più introspettivo di Sciabola. Queste due prospettive trovano la loro armonia nella traccia finale, Bumaye.
    Bumaye rappresenta la chiusura del viaggio, ma contemporaneamente la prima tappa del percorso, è una dedica a tutti coloro che accompagnano Marco in questa esperienza.

    Primate nella sua apparente semplicità è un ep chiaro, che non vuole confondersi, frutto di un lungo lavoro, che segue un concept preciso rivelando un’identità forte. È un grande risultato per essere il primo progetto e l’intero disco si regge in maniera autonoma. In conclusione, Sciabola ha trovato la sua dimensione: per raccontarsi al pubblico, Marco ha fatto un disco per sé stesso.