lunedì, Giugno 14, 2021
More

    ‘Dea Bendata’: è uscito il nuovo singolo dell’artista Manni Blanco

    SEGUICISocial

    5,105FansLike
    14,277FollowersFollow
    84SubscribersSubscribe

    “Dea Bendata” è il nuovo singolo di Manni Blanco,il primo per Django Dischi.

    Dea bendata rappresenta l’eleganza e l’arroganza, l’amore e l’odio. Il fascino del  teatro e lo squallore della periferia. 

    Teatro sì, precisamente il “Massimo” di Cagliari, dove è ambientata la prima parte  del video in cui l’artista racconta il proprio passato, la voglia di riscatto, le difficoltà di  tanti giovani nati e cresciuti in un piccolo paese di provincia. Ad una prima strofa  pungente e diretta, segue un ritornello melodico contornato dalla danza della Dea  Bendata, tanto cercata e osannata dall’artista, metafora che richiama la ricerca della  fortuna mai avuta ma tanto desiderata. 

    “Cara Dea Bendata, proteggi i miei sogni la notte se dormo” 

    In completa contrapposizione alla prima, la seconda parte del brano è cruda, grezza,  cattiva. Se il teatro rappresentava la massima eleganza dell’espressione artistica, il  secondo scenario non è altro che una rappresentazione dello squallore e del  degrado dell’ambiente in cui il rapper vive. È la quotidianità delle periferie.

    L’ambizione, la voglia di riscatto, il desiderio di scappare dalla periferia è un tema  caro ormai a tanti rapper del momento, Manni Blanco si differenzia rappresentando  non le periferie delle grandi città, bensì i piccoli paesi di provincia. Si propone di  essere portavoce di una realtà cruda e silenziosa che accomuna tantissimi giovani  italiani. 

    Prodotta da Lacros, coprodotta da Kenji e BNJ, il quale ha curato il disco d’esordio di  Manni Blanco “Enfant Prodige”, il brano è stato anticipato sui social dell’artista con  una campagna promozionale di 7 scatti che ne raccontano spaccati di vita ed episodi  che hanno portato alla nascita del pezzo. Il videoclip è stato curato dal team di  Manni ed è stato girato da Gallo Films che è riuscito a tradurre in immagini il senso  di inquietudine e la voglia di riscatto del giovane Manni.