domenica, Aprile 18, 2021
More

    Ascolta “De Rua” il nuovo album di Rico Mendossa

    SEGUICISocial

    5,105FansLike
    14,277FollowersFollow
    84SubscribersSubscribe

    De Rua” è il nuovo album di Rico Mendossa, disponibile in streaming su Spotify e su tutti i digital store, fuori per Thaurus Publishing. Il disco contiene anche collaborazioni di Vacca, Young Rame, Ensi e Gue Pequeno

    Anticipato da “10100”, inno dedicato alla città di Torino, “De Rua” è il terzo progetto da solista di Rico Mendossa, e arriva dopo un periodo di stop per il rapper, una pausa di riflessione causata anche da vicissitudini personali, che finiscono per riflettere – direttamente e indirettamente – nel nuovo disco.

    “De Rua” è infatti un disco fortemente personale, sia a livello introspettivo che autobiografico, e segna la maturazione di Rico Mendossa come rapper. Il fondatore della TDS Crew guarda al passato senza nostalgia, ma piuttosto analizzando il suo percorso, sottolineando ogni lezione appresa, ogni vittoria e ogni sconfitta, ogni esperienza che l’ha reso l’uomo che è. Rico Mendossa rappa poi del presente, di un presente complicato, fatto di vite difficili, turbolente, ma fedeli ad un codice, a dei valori che non perdonano chi li rinnega. In ultimo luogo, “De Rua” guarda anche al futuro, e il suo autore è convinto che il futuro sia solo nella musica, senza possibilità di fallire.

    ph by Michele Goffi

    Prodotto da BR1KeezyMoreaDhope e Awa Beatz, “De Rua” è un disco che mescola stili e approcci diversi, a testimonianza della varietà di ascolti e ispirazioni di Rico. Ci sono banger street come “Guapo” e “Maleducati”, ma anche tracce dalle sonorità più esotiche, come “Carne alla griglia”, o ancora esercizi di stile puri, costituiti da una pioggia di incastri e punchline, quali “In Cabina” o “Brotha”. L’autore dimostra di essere a proprio agio su sound e atmosfere diverse, adattando il flow e la delivery, mantenendo però evidente la sua cifra stilistica: la sua voce bassa e grattata è inconfondibile, che sia su note più conscious o più hardcore.

    Al disco hanno partecipato diversi nomi di spessore della scena, oltre ai compagni di crew di Rico, amici e fratelli, prim’ancora che colleghi. Sean Poly Santiago Kei Kei fanno infatti parte del gruppo TDS, mentre Thai Smoke è figlio della stessa scena torinese che ha cresciuto Mendossa. Oltre a loro, quattro pesi massimi del rap italiano firmano delle strofe in “De Rua”: Guè Pequeno – a certificare la credibilità di Rico – in “Carne alla griglia”, Ensi con “In Cabina”, Young Rame in “Guapo” e “Kilo”, e Vacca in “Maleducati”. Quattro rapper tripla A che confermano lo spessore riconosciuto a Rico Mendossa dai colleghi, che guardano oltre i numeri e supportano il talento, la fame, la costanza, la dedizione e la coerenza del rapper. Tutti i valori alla base di “De Rua”.

    De Rua è il racconto della mia vita, passata e presente, ed è una storia di rivalsa attraverso i propri sogni” – Rico Mendossa

    Rico Mendossa, all’anagrafe Gabriele Stazzone Manazza, nasce da genitori siciliani trasferiti a Torino. Fondatore e membro della crew indipendente TDS – attualmente attiva e composta da Sean Poly (rapper), Santiago Kei Kei (rapper) e Dhope (dj) –, inizia con Sean Poly a realizzare street video di una certa rilevanza per la scena torinese, ad accompagnare brani come “Combatterò” e “Porta Pila”, che hanno dato al duo una credibilità e un’identità forte nella propria città. Il primo album “Porta Pila” ottiene grandi consensi (2016) e due anni dopo viene rilasciato il secondo disco, intitolato “Street Soccer”, che li porta al raggiungimento di mezzo milione di ascolti streaming su Spotify in brevissimo tempo. “De Rossi” e “La banda” ottengono ottimi risultati anche sulla piattaforma YouTube, mentre il video “Ribèry” li porta direttamente a Monaco di Baviera per conoscere il calciatore che, affascinato da questo tributo, lega una forte amicizia con Rico. Dopo un periodo di stop, dettato da riflessioni e alcuni problemi personali, Rico Mendossa decide di lanciare il suo primo singolo da solista “Talia” (2020), che da subito attira l’attenzione di diversi artisti affermati della scena. Il punto di forza di Rico Mendossa ad oggi è la costanza e la coerenza nell’affrontare le sue tematiche prettamente legate alle situazioni di strada, di cui si fa narratore autorevole, avendole sempre vissute in prima persona.