Share
Home Musica Italiana Missey: "Mancava il tempo", fuori ora il remix di Polezsky e Kang...

Missey: “Mancava il tempo”, fuori ora il remix di Polezsky e Kang Brulèe

SEGUICI

5,138FansLike
14,277FollowersFollow
84SubscribersSubscribe
Share

Il remix del brano di Missey “Mancava il tempo” a cura di Polezsky e Kang Brulèe è disponibile da oggi 28 luglio su Spotify e tutte le piattaforme digitali per Totally Imported.

Classe 1995, Missey nasce a Foggia e nel 2018 si trasferisce a Milano alla ricerca di nuovi stimoli di crescita e di miglioramento artistico e personale. Dopo varie partecipazioni ad importanti eventi per artisti emergenti, pubblica i suoi primi due singoli “Kaldera” e “Oslo“, due brani che attirano l’attenzione di critica e pubblico grazie alle incredibili capacità vocali e allo stile in bilico tra contemporary R&B e soul. Seguono “Non ti preoccupare“, “Luci prima” e “Mancava il tempo”, che pongono le basi per l’uscita dell’EP d’esordio “Prima parte del celeste”, che racconta l’inizio del percorso di Missey, sperimentale ed eclettico, in forte sintonia con i diversi producers e beat-makers che prendono parte al progetto: LvnarIamseifeSHUNELaden PatiensOMAKE e i B.W.B.

Il remix di “Mancava il tempo” è il secondo ingrediente distintivo a entrare a far parte della raccolta “Prima parte del celeste rmx”. Se da una parte il remix di Machweo di “Luci prima” spinge trovando la sua forza nell’energia di un brano carico di bassi e suoni decisi, la produzione di Polezsky e Kang Brulèe trova massima espressione nel suo mood chill. L’approccio più delicato, alternato a momenti più serrati, unisce elettronica e house incarnando alla perferzione lo stile dei producer.

“Ho conosciuto Polezsky e Kang su IG, casualmente dopo l’uscita del loro ep ‘Leit Motiv’, facendo proprio loro i complimenti per il lavoro realizzato. Dopo esserci trovati a scambiare pareri e opinioni su un paio di artisti nelle stories, qualche mese fa ho deciso di proporre loro l’idea di un remix, speranzosa in un sì, ma per nulla preparata alla spontaneità con cui nel giro di poco avrebbero accettato. Così già dalla prima bozza inviatami meno di due settimane dopo ho cominciato a viaggiare: la traccia mi sapeva di serata estiva che sta finendo, di amici stanchi e sfatti, che però ridono e reggono fino all’alba, un po’ per non tornare a casa, un po’ per noia, o forse semplicemente per vederla, insieme. E per me era una bella immagine.”

Totally Imported è un’etichetta discografica con sonorità vicine a hip hop, soul, r’n’b e jazz, che mira a creare un punto di riferimento per tutta la black music italiana, valorizzando i suoi numerosi talenti.

Share
Share