Share
Home Inoki Ness Fedez e Inoki: una duplice visione del mondo

Fedez e Inoki: una duplice visione del mondo

SEGUICI

5,163FansLike
14,555FollowersFollow
84SubscribersSubscribe
Share

Mentre il paese intero registrava l’affievolirsi delle misure restrittive in risposta alla dilagante epidemia, nell’ultimo episodio di “Muschio Selvaggio” è andato in scena un curioso scambio di opinioni su quanto e cosa significhi, oggi, il rap. La conversazione, con ospite Inoki, ha trattato varie tematiche calde e ricorrenti al movimento rap: “essersi venduti”, la caduta dei centri sociali e l’importanza dell’apparire.

Entriamo nel dettaglio:

“Vendersi”

Tralasciando la volontà di raccontare se stessi attraverso le vicissitudini affrontate è innegabile che la ricerca del denaro, inteso come benestare personale, sia una componente ricorrente nella musica e specialmente nel rap. In virtù di ciò non è un paradosso definire “venduto” un artista che confeziona hit di successo arrivando magari ad un pubblico più ampio, quando questa caratteristica è insita nel rap stesso?

Inoki afferma che dopo aver firmato con la major, ai tempi, gli fu fatta terra bruciata intorno poiché accusato dal suo pubblico di essere passato dalla parte del “nemico”. Allo stesso modo Fedez è sempre stato accusato dai puristi della scena di essere un venduto per il suo approccio pop major mediato, quando in fin dei conti fu solo un anticipazione dell’odierno. Oggi infatti l’entrata in etichetta, a dimostrazione dell’evoluzione dei tempi, è considerata come il giusto espediente per poter accedere ai piani alti della scala sociale, ed è infatti accolta con furore dalle rispettive fanbase. Basti pensare al caso di Ghali che metabolizzato il fallimento dei Troupe d’Elite e ricostruitosi credibilità e seguito con vari singoli di successo, decise di abbracciare con tutto il proprio team la causa della Warner.

“Keep It Real”

Inoki definitosi un esponente della seconda repubblica del rap italiano attribuisce alla street credibilty e al “keep it real” il compito di discernere tra vero rapper e mero raccontatore.
Fedez invece da esponente della generazione immediatamente successiva sostiene come gli anni abbiano smussato questi due capisaldi e che essi non siano più così rilevanti, chi ha ragione?
Tutti e due, mi spiego meglio.
Se teniamo fede al vissuto di Inoki serbando a mente che “il rap mi ha salvato dalla strada” è intuitivo riconoscere come per il noto MC la credibilità sia una missione imprescindibile per un artista che vuole considerarsi un rapper. Questo “macismo della strada” però, come sostiene Fedez, non può rappresentare tutti, generando, conseguentemente, finzioni e bugie. Egli stesso non si è mai sentito in dovere di farsi portavoce della strada e ritiene che sia questo ad alimentare la mascherata odierna.

Entrambi i punti di vista presi singolarmente sono corretti e nessuno può o deve necessariamente escludere l’altro. Certo il racconto lucido di esperienze, specialmente se vissute, è un incredibile testimonianza, ma ciò non esclude che il processo creativo possa produrre altrettante fiction di spessore.

Oggi

“Poi arrivata la Dark Polo Gang”

L’irruzione della trap sui palcoscenici nostrani è sicuramente uno dei temi più polarizzanti degli ultimi anni. C’è chi accusa gli esponenti di questo colorato gruppo di avere privato di significato il già decadente rap italiano. Il punto di vista di Inoki emerge chiaramente: la nuova classe dirigente è pigra e apparentemente impoverita dallo spirito combattivo e di ribellione.

Fedez invece offre una sguardo più capitalista asserendo che la scena odierna sia permeata da un inverosimile amicizia, poichè questo garantisce a tutti una fetta della gustosa torta del profitto. Perché incorrere in faide deleterie quando e se insieme è possibile arrivare al doppio delle utenze?

Il rap è già pop ed infatti tutti i riflettori sono puntati su di esso.
Al 15enne cresciuto con idoli Lil Tecca e Anna non frega nulla o quasi della old school, e quindi indignarsi che nulla sia come prima, nel 2020, è futile.
A mio parere quello che conta e che sarà il fattore determinante nel garantire una proficua longevità, sarà come le nuove generazioni riusciranno ad evolversi alzando continuamente
l’asticella.
Chiedo troppo?

Share
Melchiorre
Studente e fanatico dell'Hip-hop, ascolto tutto e tutti ma ricordati di mandarmi il link.
Share