Share
Home Interviste Intervista a Mike Lennon: K-Pop Summer Vibes

Intervista a Mike Lennon: K-Pop Summer Vibes

SEGUICI

5,184FansLike
15,668FollowersFollow
79SubscribersSubscribe
Share

MIKE LENNON SI RACCONTA IN OCCASIONE DEL K-POP SUMMER VIBES

Il 23 agosto ci sarà il K-POP SUMMER VIBES, un Talent Show K-Pop che vedrà le migliori band e artisti di ballo, canto e performing K-Pop italiani, esibirsi davanti ad appassionati e fan.

A presentare il Talent, ci sarà Bora del blog Persi in Corea, mentre alla giuria vedremo: Andrea Franceschini di K-Tiger Radio, Sara Maurizio di Kst (Kpop Show Time), Eros Ryan Fusco insegnante di danza hip hop-house-dancehall in numerose scuole di Milano e hinterland, e John Limet della Godzilla Dice Crew. 

Arriveranno da tutta Italia anche per il Live Show dell’asian rapper MIKE LENNON, rapper e producer italiano di origini vietnamite, diventato noto grazie alla sua particolare ironia nell’imitare gli stereotipi sugli orientali, dal punto di vista di chi li ha sempre vissuti. Proprio in occasione del festival, siamo riusciti a fare quattro chiacchiere assieme a Mike, che con il solito sarcasmo ci ha parlato del suo inconsueto progetto e del Festival! 

Mike Lennon

Ciao Mike, tra poche settimane ti vedremo esibirti sul palco del K-Pop Summer Vibes. Ci saranno moltissimi fans che non vedono l’ora di sentirti cantare, ma anche tanti curiosi che vorrebbero conoscerti meglio. Come nasce il progetto di Mike Lennon?

Il plogetto Mike Lennon nasce dall’incontlo con Lussolio, il mio managel, che dopo aver ascoltato dei miei plovini mi aveva consigliato di cavalcale di più il fatto di essele plimo asiatico nel mondo del lap. E così la sela stessa gli mandai Konichiwa e da lì nasce il plogetto.

Che significato ha per te “Mike Lennon”: è un nome nato per caso oppure porta con sé una storia particolare? Ce la racconti? 

Mike Lennon nascе dal mio plimo amole musicale, i Beatles, e ho scopelto lecentemente in un’intelvista che io e John Lennon siamo nati lo stesso giolno: 9 Ottoble, coincidenze?

Com’è stato diventare, ad oggi, a tutti gli effetti un artista affermato? La tua vita è cambiata molto?

È stato un pelcolso bello ma soplattutto difficile e che ha compoltato molti saclifici, pel me è veramente appena l’inizio, ho glandi plogetti ma tanto lavolo da fale ancola. La mia vita è cambiata a livello di litmo e di loutine, ola dedico mio tempo a plogettale cose e a tenele allenato colpo e mente, ma limango semple lo stesso.

Pensi che il tuo progetto stia riuscendo ad influenzare il panorama musicale italiano, oppure è rimasto circoscritto al tuo personaggio? 

Penso che immaginalio che sto poltando con mio team sia qualcosa di flesco e innovativo, aldilà di musica e di pelsonaggio tla qualche anno con giusto impegno e lavolo la gente avlà modo di capile velamente cos’è il plogetto Mike Lennon che ola è ancola allo stadio plimoldiale.

Cosa ti aspetti dal “K-Pop Summer Vibes”?

Mi aspetto di fale uno show unico e diveltente pel chi non mi ha mai visto, è poi dev’essele una bella espelienza suonale a Milano in uno dei posti più iconici della città.

Ti è mai capitato di partecipare ad eventi simili in Italia? Magari anche come concorrente “talent” in gara?

No, non ho mai avuto la passione pe i talent ma li conosco che hanno cambiato il mondo della musica di oggi.

Ci saranno sorprese?

Chi lo sa, le solplese non si dicono altlimenti non sono solplese!


Le porte saranno aperte già alle 20.30, mentre l’inizio di concerti e del contest è previsto per le ore 21.00! Al 1° classificato sarà data la possibilità di registrare un singolo inedito con un’etichetta discografica, mentre il premio alla categoria ballo verrà comunicato la sera stessa.

Il live di Mike Lennon sarà seguito da una serata danzante nella splendida cornice del cortile del Castello Sforzesco, all’interno della rassegna Estate Sforzesca

Share
Rosa Gravagnuolo
Tutto ha avuto inizio in un giorno qualunque, quando una timida bambina dagli occhi scuri e la pelle chiara venne alla luce dalle fiamme ardenti del fuoco. Sin da quando iniziò a muovere i suoi primi passi, Cabiria fu ammaliata dalla musica e dalla vita. Da allora, non ha mai smesso di amare l'arte in tutte le sue forme.
Share