Share
Home Rubriche Due parole su Due parole su: Drake

Due parole su: Drake

SEGUICI

5,169FansLike
15,713FollowersFollow
80SubscribersSubscribe
Share

Drake è un artista da singoli?

Sul fatto che Drake sia, attualmente, il rapper più popolare del globo direi che non sussistano dubbi. Tuttavia pur quanto non si possa contestare la sua incredibile notorietà, se prendiamo in considerazione l’abilità nel comporre album coesi e accattivanti troviamo tutt’altro riscontro.

Non considerando “More Life”, ritenuto dallo stesso Drake una mera playlist, gli ultimi due progetti “Views” e “Scorpion” non hanno rispettato le numerose aspettative create. L’artista, al picco della popolarità, sembra essersi adagiato sugli allori, approfittando, banalmente, delle solite sonorità che hanno caratterizzato la sua lunga e prosperosa carriera.

Dopo la vittoria del titolo da parte della propria squadra, i Toronto Raptors, l’artista canadese ha annunciato il rilascio di due tracce contenute nel “Best Of The World Pack”.

Le due tracce presenti sono “Omertà” e “Money In The Grave”, ed in quest’ultima riscontriamo, inoltre, la partecipazione di Rick Ross.

I due brani sono una bomba.

Drake rimarca il proprio successo e ricorda a tutti che è lui la persona in cima alla catena alimentare. Le produzioni sono affidate a frequenti collaboratori come OZ, già produttore di Hit come “Sicko Mode”, o new entry come Ljay Currie o Cydney Christine.

Rozay svolge alla perfezione il suo ruolo di guest d’alto livello continuando la narrazione proposta da Drake, ed aggiungendo alla vicenda il proprio personalissimo punto di vista.

Il pacchetto segue a ruota il format di successo proposto lo scorso anno con “Scary Hours”, dentro al quale era contenuta la Hit, certificata diamante, “God’s Plan”, e la meno celebre “Diplomatic Immunity”.

Quindi recuperando la domanda iniziale: Drake è diventato un artista da singoli?

Recensioni alla mano, quando l’artista canadese interrompe lunghi silenzi con singoli nuovi non sbaglia quasi mai, sorprendendo sempre con materiale inedito e qualitativamente impattante. Invece quando occorre mettere insieme più di 10 brani, nonostante le numerose vendite, l’artista sembra aver perso il proprio focus, commettendo passi falsi e ideando progetti non del tutto soddisfacenti.

È solo una breve parentesi, o dobbiamo abituarci a questa nuova versione di Drake?

Share
Melchiorre
Studente e fanatico dell'Hip-hop, ascolto tutto e tutti ma ricordati di mandarmi il link.
Share