Share
Home Dolly Noire Dolly Noire presenta "Siberia", la nuova collezione fall winter 2019

Dolly Noire presenta “Siberia”, la nuova collezione fall winter 2019

SEGUICI

5,173FansLike
15,701FollowersFollow
80SubscribersSubscribe
Share

“Winter is coming”: in occasione del Pitti Uomo 2019, Dolly Noire si appresta a presentare un’anteprima di Siberia, la collezione F/W 2019. 

Nella prestigiosa cornice fiorentina del Pitti Uomo, dall’8 al 14 gennaio, Dolly Noire presenta un’anteprima esclusiva della prossima collezione autunno/inverno. Denominata Siberia, la collezione trae ispirazione dall’immaginario dell’omonimo paese dell’Asia del nord, dalla grande forza evocativa – sia dal punto di vista paesaggistico che culturale.

Si tratta di un ambiente ostico, rigido, caratterizzato dal gelo perenne e da condizioni climatiche spesso proibitive. La desolazione delle tundre si oppone a sterminate foreste di conifere, mentre forti raffiche di vento sferzano immense catene montuose e le temperature proibitive trasformando laghi profondissimi in lastre di ghiaccio. Temprati da simili condizioni avverse, i miti folkloristici nati nelle steppe siberiane hanno influenzato gran parte della cultura popolare del continente asiatico, in particolar modo la Russia. Creature mitologiche e divinità onnipotenti sono le protagoniste delle affascinanti fiabe russe, indissolubilmente legate alle illustrazioni di Ivan Bilibin.

Dolly Noire “Siberia” F/W 2019

Pittore e illustratore russo, vissuto tra l’800 e il ‘900, Bilibin diede vita al proprio stile iconico illustrando le fiabe di Aleksandr Puskin e i byliny tipici russi, per poi trasportare le proprie opere nella comunicazione grafica della rivoluzione russa. Il suo stile unico, in grado di plasmare un’intera generazione di artisti russi, rivive sui capi della collezione Siberia – un tributo e un omaggio alla ricercatezza del suo tratto, dall’aura mistica e matura. Nelle opere di Bilibin reale e fantastico convivono, mentre sullo sfondo i rigidi ma poetici paesaggi siberiani si stagliano maestosi: l’obiettivo di Dolly Noire è quello di portare lo stesso contrasto evocativo all’interno della collezione.

Giugno, agosto e ottobre: sono questi i mesi in cui verranno rilasciati i capi, con l’intento di far vivere questa collezione fall/winter anche d’estate. Attraverso questo lavoro Dolly Noire vuole proseguire un percorso di crescita, sia a livello creativo che a livello di materiali. Per la seconda volta nella storia del brand la collezione andrà a soddisfare anche il pubblico femminile, come fatto in precededenza dalla collezione Madiba.  Torneranno inoltre capi particolarmente apprezzati come l’anorak, jacket in nylon e hockey hoodie; insieme a loro faranno capolino nuovi accessori per completare gli outfit – backpack, marsupi, portafogli e tracolle.

I colori che contraddistinguono i capi in uscita a giugno sono il giallo e il viola: vivaci ed energetici, perfetti per la stagione estiva. Rappresentano la parte estrosa della collezione, volti a dare una forte identità ai capi e a riprendere i colori caratteristici della  stessa Siberia. Il drop di agosto vede protagonista il tributo a Ivan Bilibin, riproponendo fedelmente alcune delle sue illustrazioni, andando a modificare alcuni dettagli e inserendo riferimenti al mondo Dolly Noire. Divinità e creature mitologiche prendono quindi vita sui capi d’abbigliamento, come Sirin ad esempio – l’illustrazione della divinità russa del tuono è infatti presente tra quelle scelte per la collezione. Nell’uscita di ottobre invece il colore seguirà il corso delle stagioni, focalizzandosi soprattutto sul verde militare (olive green), che a livello cromatico rimanda all’arida vegetazione delle steppe.

Una collezione ricercata a livello cromatico e simbolico, dal design raffinato e affascinante, sia nella storia che nell’esecuzione. Siberia rappresenta un ulteriore step nel percorso di maturazione di Dolly Noire, in crescita perenne nel mondo dello streetwear. L’anteprima al Pitti Uomo sarà un’ottima occasione per osservare da vicino le peculiarità della collezione.


Share
Share