Share

“Dèjà-vu” è il nuovo singolo di Menna Elsayed, il video d’esordio è disponibile da mercoledì 6 marzo su YouTube per l’etichetta Rosin Music, il brano verrà pubblicato sulle piattaforme streaming nei giorni successivi distribuito da Thaurus Publishing.

Menna Elsayed è una giovane rapper classe ’98, nata in Egitto e trasferitasi in un quartiere periferico di Bologna all’età di tre anni. Fin da piccola sviluppa una grande passione per la musica rap, iniziando a scrivere i primi testi e dimostrando un talento evidente che la porta a esibirsi live in apertura ad artisti di spessore tra cui Bassi Maestro, Luchè, Ernia e molti altri.

Advertisement

Grazie all’attitudine determinata e ai molti palchi già calcati Rosin Music decide di puntare su di lei e ha inizio un lavoro per rendere nel modo migliore la forte personalità dell’artista. Menna tramite la musica riesce a veicolare l’aggressività come reazione ad un trascorso di vita difficile insieme all’ orgoglio di chi non si arrende e non accetta le cose passivamente. A inizio 2019 si appresta ad uscire con i suoi primi singoli ufficiali per Rosin Music Records, che la vedono collaborare con beatmakers come Davide Ice già produttore di Izi, Noyz Narcos e tanti altri.

Dèjà-vu” racconta un pezzo di vita di Menna Elsayed, un brano personale e diretto che riesce ad esprimere con una schiettezza disarmante cosa significa cambiare paese ed essere catapultati in una realtà in cui non ci si riconosce. La sensazione di inadeguatezza e smarrimento espresse con la combattività di una ragazza che è cresciuta e non si lascia spaventare dalle difficoltà. “Dèjà-Vu” è un pezzo autobiografico che si rende perfetto come primo tassello del viaggio musicale di Menna. Il video è stato girato a Praga sotto la regia di Davide “Gatto” Polato.

La mia famiglia è egiziana, io sono nata al Cairo. Quando avevo tre anni ci siamo trasferiti in Italia in cerca di migliori condizioni di vita, anche considerato che l’Egitto era sull orlo di una guerra civile. Ad oggi non saprei distinguere se sia peggio avere la guerra attorno o al proprio interno.

Share